Giornata mondiale dell'udito

28 febbraio 2018

Il 3 marzo l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ci ricorda che le persone con disabilità uditive nel mondo sono più di 360 milioni, e secondo questi dati solo una persona su tre dei malati è colpito dopo i 65 anni.
Questo ci fa capire che non è soltanto una patologia che colpisce le persone in età avanzata ma anche i più giovani, in particolare sono 32 milioni i bambini con meno di quindici anni a perdere l’udito a causa di infezioni.

I paesi nel mondo maggiormente colpiti sono in Asia meridionale, nell’Africa sub-Sahariana e nel Pacifico dove malattie come rosolia orecchioni meningite e morbillo possono causare più facilmente la pedita dell’udito. Oltre a queste malattie, anche l’esposizione a rumori eccessivi, ferite all’orecchio, farmaci contro l’invecchiamento, problemi durante la gravidanza o motivazioni genetiche possono portare a riscontrare dei problemi, che però in più della metà dei casi con una dovuta diagnosi possono essere scongiurati.

Nel mondo attualmente 165 milioni di persone convive con la perdita dell’udito, e anche se ci sono i mezzi per risolvere queste problematiche ancora non vengono prodotte protesi sufficienti  per tutti i malati.

Per questo secondo l’Oms è necessaria la pianificazione in tutti i paesi di una prassi volta alla prevenzione della sordità nelle cure primarie ribadendo che anche a causa di malattie come meningite, orecchioni e rosolio spesso si può incorrere in questa problematica incentivando vaccinazioni e valutazioni anche in età giovanile.

counter

ULTIME NOVITA'

04
aprile
2019
COSMOFARMA 12 - 13 - 14 APRILE 2019
Anche quest'anno saremo a Bologna in occasione di Cosmofarma 2019 nelle date ...
28
febbraio
2019
Giornata Mondiale delle Malattie Rare
Il 28 febbraio viene celebrata in tutto il mondo la XII edizione della Giornata ...
 

CON IL PATROCINIO DI: